Powered by Smartsupp

SPEDIZIONE GRATUITA DA 19,90 € 

Cerca
Versamento articolare

Sommario

Per svariate cause, può capitare che all’interno di un’articolazione sinoviale del nostro corpo si formi un accumulo di liquido anomalo. Noto come versamento articolare, questo liquido in eccesso di solito compare più comunemente nelle seguenti articolazioni: ginocchia, anche, gomiti e caviglie.

Il liquido sinoviale viene prodotto dalla membrana sinoviale, ovvero quel tessuto che avvolge la superficie interna della capsula articolare. In condizioni normali, il liquido sinoviale lubrifica e nutre l’articolazione ma certe sollecitazioni possono stimolare una produzione eccessiva causando tumefazione.

Tra le varie articolazioni del corpo, quelle sinoviali (diartrosi) particolarmente mobili sono dotate di superfici articolari, cartilagine, legamenti, tendini, capsula articolare, membrana sinoviale e borse sinoviali. Le articolazioni sinoviali sono, ad esempio, quelle del ginocchio, gomito, spalla, anca e caviglia all’interno delle quali viene prodotto il liquido sinoviale.

Ecco quali sono i sintomi, le cause ed i trattamenti per risolvere casi più o meno gravi di versamento articolare.

Versamento articolare: cos’è, tipologie

Normalmente, all’interno di un’articolazione sinoviale è presente una certa quantità di liquido che ha la funzione di ridurre l’attrito tra le varie componenti dell’articolazione. 

Quando il liquido prodotto è eccessivo, si è in presenza di versamento articolare, ovvero un insolito accumulo di liquido sinoviale nell’articolazione.

Il liquido in eccesso può presentarsi sieroso (idrartro) oppure con tracce di sangue (emartro).

Versamento articolare: cause

Le possibili cause di versamento articolare sono numerose e diverse tra loro. Possono essere legate a traumi e contusioni, varie forme di artrite, patologie ematologiche, infettive di tipo sistemico oppure affezioni locali.

Di seguito, le varie cause di versamento articolare in dettaglio:

  • Lesioni traumatiche (distorsioni, lesioni del menisco, fratture) e contusioni che danneggiano i vari elementi che compongono l’articolazione (tendini, legamenti, ecc.);
  • Vari tipi di artrite (artrosi, artrite reumatoide, artrite psoriasica, gotta, artrite reattiva, artrite settica);
  • Condizioni ematologiche come l’emofilia (malattia genetica ereditaria responsabile di emorragie prolungate);
  • Malattie infettive di tipo sistemico, ovvero che interessano diversi organi e tessuti (in primis, tubercolosi e sifilide);
  • Sinoviti e tenosinoviti;
  • Condizioni locali: le più comuni sono le tendiniti e le borsiti, infiammazioni di una o più borse sinoviali. Meno frequenti sono le cisti (come le cisti di Baker) e i tumori (come i sinoviomi, tumori della membrana sinoviale);
  • Condrocalcinosi;
  • Condromalacia;
  • Lussazioni;
  • Spondilite anchilosante.

Liquido nell’articolazione: sintomi e diagnosi

Segni e sintomi tipici del versamento articolare sono:

  • Dolore;
  • Gonfiore;
  • Limitazione funzionale;
  • Rigidità articolare;
  • Arrossamento dell’area interessata;
  • Rumori in fase di movimento dell’articolazione coinvolta.

In gran parte dei casi, l’iter diagnostico del versamento articolare si limita all’anamnesi e all’esame obiettivo. 

Se risultano necessari ulteriori accertamenti per indagare sulle cause responsabili di versamento articolare, il medico può prescrivere test di diagnostica per immagini come radiografie o Risonanza Magnetica, oppure analisi di laboratorio del liquido in eccesso o, in casi estremi, artroscopia diagnostica.

Versamento articolare: terapia conservativa e trattamento chirurgico

Il medico prescriverà la terapia più adeguata in base a due fattori: causa scatenante e intensità della sintomatologia del versamento articolare.

Per risolvere un caso lieve, sarà sufficiente una terapia di tipo conservativo, mentre per un quadro sintomatologico grave è necessario ricorrere alla chirurgia.

La terapia conservativa comprende:

  • Riposo dell’articolazione compromessa;
  • Applicazione di ghiaccio 4-5 volte al giorno sull’articolazione dolorante;
  • Sospensione delle attività che causano un peggioramento del dolore;
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), antidolorifici (paracetamolo) e corticosteroidi (se i semplici antinfiammatori non funzionano);
  • Farmaci antibiotici se il versamento articolare è dovuto ad un’infezione batterica;
  • Somministrazione di farmaci immunodepressori in caso di patologia autoimmune;
  • Aspirazione del liquido in eccesso tramite ago;
  • Un ciclo di Fisioterapia.

Se il versamento articolare è grave, è necessario ricorrere ad un intervento di artroscopia.

Condividi articolo:
Articoli correlati