Powered by Smartsupp

        Aiuto          Accedi        Carrello

SPEDIZIONE GRATUITA DA 19,90 € 

Cerca

Tecarterapia: una guida totale

tecarterapia

Sommario

La terapia fisica strumentale nota come Tecarterapia (o TECAR) veniva impiegata inizialmente nell’ambito della Medicina dello Sport. In seguito, è stata utilizzata per trattare tutte le patologie osteo-articolari e muscolari acute e croniche. Attualmente, è una delle terapie strumentali più richieste e utilizzate in Fisioterapia e Riabilitazione.

La TECAR sfrutta l’energia interna del nostro organismo per indurre la riparazione dei tessuti compromessi da un’infiammazione o da un trauma. Favorisce l’auto-guarigione come suggerisce il nome per esteso dell’acronimo TECAR (Trasferimento Energetico Capacitivo e Resistivo). L’apparecchio dedicato genera ed eroga radiofrequenze tramite elettrodi: l’energia trasferita induce una stimolazione endogena dei tessuti. Muscoli, tendini, legamenti ed altri tessuti vengono stimolati a rilasciare energia dall’interno che favorisce fenomeni riparativi. 

Ecco tutti i benefici della Tecarterapia.

Tecarterapia: indicazioni, quando serve?

La Tecarterapia accelera i processi riparativi ed è raccomandata in caso di patologie muscolari e osteo-articolari acute e croniche

E’ particolarmente indicata per intervenire su:

  • Lesioni muscolari, tendinee e legamentose;
  • Condizioni algiche (lombalgia, cervicalgia, brachialgia, ecc.) in quanto riduce il dolore;
  • Ernia e protrusione discale (lombare e cervicale);
  • Artrosi all’anca e al ginocchio;
  • Tendiniti;
  • Contratture muscolari;
  • Edema, ematoma;
  • Trauma contusivo;
  • Fascite plantare;
  • Distorsioni della caviglia e del ginocchio;
  • Trattamento post-operatorio;
  • Preparazione alla performance sportiva, nella fase di recupero e di scarico dagli sforzi muscolari.

I benefici della Tecarterapia

La Tecarterapia riattiva la circolazione e, aumentando l’afflusso di sangue nell’area trattata, consente un maggior apporto di ossigeno e sostanze nutritive essenziali per la rigenerazione tissutale.

A seconda della modalità di trattamento, della potenza e della scelta dell’elettrodo capacitivo o resistivo, la Tecarterapia apporta i seguenti effetti benefici:

  • Antinfiammatorio;
  • Antalgico-sedativo;
  • Decontratturante;
  • Antiedemigeno;
  • Drenante;
  • Cicatrizzante.

La modalità di esecuzione del trattamento è molto importante in quanto:

  • Senza calore induce un effetto antinfiammatorio, antalgico e drenante;
  • Con il calore (modalità termica) svolgerà un’azione decontratturante e vasodilatatoria favorendo una maggiore ossigenazione dei tessuti.

Come funziona la TECAR, quante sedute servono per guarire?

Le sedute di TECAR prevedono tre fasi con due differenti modalità: capacitiva (che agisce a livello del sistema muscolare e linfatico) e resistiva (con azione decontratturante e drenante).

La Tecarterapia è indolore, anzi molto piacevole e rilassante. Ciascuna seduta di TECAR dura mediamente 30 minuti: in caso di necessità, la durata può essere prolungata ad un’ora e si possono prevedere due sedute al giorno per accelerare i tempi di recupero. Ad esempio, gli sportivi si sottopongono a due sedute per velocizzare il recupero.

Nei casi meno gravi, il medico prescrive 5 sedute fino ad un massimo di 10 sedute. Oltre le 10 sedute vengono trattati casi più gravi (infiammazioni acute o gravi lesioni muscolari).

Il numero preciso di sedute cui sottoporsi per guarire è soggettivo, dipende da vari fattori: gravità della patologia, età del paziente, obiettivo terapeutico.

Se, dopo il trattamento, il dolore aumenta, molto probabilmente la diagnosi medica o la valutazione fisioterapica non è corretta e sono state erogate modalità termiche sbagliate.

Per una maggiore efficacia, la TECAR si può e si deve abbinare con terapie manuali, Massoterapia, contrazioni isometriche, trattamenti posturali o riabilitativi.

Effetti collaterali e controindicazioni

Uno dei più grandi vantaggi della TECAR è che, oltre ad essere rilassante e indolore, questo trattamento non causa effetti collaterali rilevanti. Possono sottoporsi a sedute di Tecarterapia soggetti di qualsiasi età. Si manifesta una riacutizzazione dei sintomi soltanto in caso di valutazione e diagnosi errate.

La TECAR è controindicata in caso di:

  • Presenza di pacemaker. Al contrario, si può utilizzare in caso di protesi metalliche ed altri tipo di protesi;
  • Neoplasia non trattata in atto;
  • Gravidanza e allattamento.
Condividi articolo:
Articoli correlati