Powered by Smartsupp

        Aiuto          Accedi        Carrello

Supporto reggibraccio per gesso pediatrico

Reggibraccio-pediatrico

Sommario

A seguito di un trauma o di un intervento chirurgico al braccio, è necessario applicare il gesso. Si tratta di un dispositivo medico indispensabile per il sostegno e la protezione di ossa e tessuti molli lesionati.

In ortopedia, si applica su adulti e bambini per mantenere ferme e nella posizione corretta le ossa nella fase di guarigione. Una volta applicato, occorre un supporto per alleggerire il peso del gesso. In questa guida, descriviamo il supporto reggibraccio per gesso pediatrico, pensato per i bambini. 

Ne esistono vari tipi e, tra tanti modelli disponibili online, è meglio non fare confusione e scegliere quelli più funzionali ed ergonomici.

Supporto reggibraccio per gesso pediatrico: come aiutare il bambino ad abituarsi

Soprattutto per un bambino, non è facile abituarsi al gesso. La fase iniziale (nelle prime 48-72 ore) può risultare la peggiore perché, di solito il gonfiore provocato dalla ferita esercita una pressione nel gesso per cui al bimbo potrebbe sembrare troppo stretto. In seguito, il gonfiore tende a diminuire insieme al dolore.

Ti suggeriamo un sistema per aiutare il bambino a rendere più sopportabile il dolore. Mantieni sollevato il braccio del piccolo nelle prime 24/72 ore. Il massimo che puoi fare per lui è posizionare il braccio sopra il cuore poggiandolo su un cuscino o, meglio ancora, usando un supporto idoneo. In questa posizione, il sangue potrà confluire meglio verso il cuore.

Un ottima selezione di reggibraccia è offerta dalla Donjoy, che si suddivide in

Varie tipologie di gesso

Mantenendo ferme e stabili le ossa in fase di guarigione, il gesso ha la funzione di ridurre il gonfiore, il dolore e gli spasmi muscolari dovuti ad un trauma. Può servire anche nella fase post-chirurgica per svolgere le stesse funzioni.

Per creare il gesso su misura, viene realizzato un calco che, una volta solidificato, risulta molto resistente. La colata di gesso si adatta perfettamente alla forma dell’arto da trattare fornendogli il massimo supporto.

Un apparecchio gessato può essere:

      • Chiuso (o intero): avvolge completamente, offre maggiore stabilità all’arto compromesso. Molto spesso, questo modello viene usato per trattare le fratture. Permette di effettuare solo micromovimenti ai frammenti di frattura;

      • Aperto (doccia gessata) la cui superficie rigida avvolge soltanto metà dell’arto colpito. Viene usato quando l’arto è gonfio o presenta ferite cutanee da monitorare per cui non può essere chiuso;

      • Da carico: questa tipologia è indicata per l’arto inferiore, ha la suola rinforzata e utilizza un tacco di legno o plastica per agevolare la deambulazione.

    Supporto reggibraccio per gesso pediatrico: consigli

    I consigli che diamo di seguito sono gli stessi che fornisce di solito l’ortopedico (nel nostro caso, il pediatra) in caso di gessatura al braccio:

        • È bene limitare l’uso del braccio al minimo indispensabile per assicurare una guarigione completa e rapida dell’osso;

        • Occorre mantenere asciutto il gesso perché l’umidità rischia di indebolirlo insieme all’imbottitura in cotone. Se l’umidità lo danneggia, il gesso può irritare la pelle. L’umidità si previene usando schermature impermeabili o due strati di plastica per mantenere asciutto il gesso durante il bagno del bambino;

        • Il gesso deve essere mantenuto pulito, libero da polvere, sporco e sabbia per evitare fastidi e irritazioni alla pelle;

        • Se il bambino ha prurito non inserire oggetti nel gesso per grattare perché potresti provocargli microlesioni o danni anche gravi. Il guaio è che con il gesso non si possono applicare neanche prodotti o polveri. L’unica cosa da fare in questo caso è contattare il medico per chiedere consiglio;

        • Un supporto reggibraccio per gesso pediatrico colorato può rendere più divertente la terapia con gesso e ad alleviare il fastidio e la sensazione dolorosa.
          a deguito di un trauma vi consigliamo quest’ ottimo reggibraccio piedratico.

      Condividi articolo:
      Articoli correlati
      Orecchie che fischiano
      Orecchie che fischiano

      L’acufene, volgarmente descritto come ‘orecchie che fischiano’, è una percezione illusoria. Chi soffre di acufeni sente fischi, fruscii, ronzii, sibili.

      Leggi tutto
      Piede ingessato
      Piede ingessato

      Il piede ingessato deve essere protetto da eventuali danni perché il processo di guarigione deve essere completo e possibilmente rapido.

      Leggi tutto