Powered by Smartsupp

SPEDIZIONE GRATUITA DA 19,90 € 

Cerca

Scafoide piede: tutto quello che devi sapere

scafoide piede

Sommario

Lo scafoide del piede è fondamentale per l’arco plantare. Ha un ruolo essenziale nell’uso e stabilità
dell’arco interno del piede che sostiene gran parte del peso corporeo contribuendo ad assorbire gli urti. E’ fondamentale anche per la postura e il movimento.
Lo scafoide del tarso è noto anche come osso navicolare per la somiglianza con lo scafo di una nave.
L’osso navicolare fa parte del cosiddetto ‘piede dinamico’ che si distingue da quello statico in quanto
partecipa alla fase dinamica della camminata (carico del peso su gamba e piede, fase finale di appoggio, distacco e spinta propulsiva).
Un’eccessiva sporgenza della parte interna del piede costituisce la patologia dello scafoide prominente e può provocare dolore. Si tratta di un’anomalia scheletrica congenita che spesso viene scoperta in fase di accertamenti quando si manifesta un’infiammazione o si subisce un trauma distorsivo.
Quali sono le cause e i sintomi della frattura scafoide piede? Come curarla e quali sono i trattamenti più indicati?

Frattura scafoide piede: cause

Lo scafoide tarsale può subire una frattura per varie cause:

  • Traumi sportivi
  • Incidenti
  • Cadute
  • Osteoporosi
  • Fratture da stress per usura dell’osso o movimenti ripetuti.
    Le fratture da stress dello scafoide piede sono particolarmente associate alla corsa su superfici dure, allenamento inadeguato, sport come atletica, basket, tennis, che comportano bruschi cambi di direzione, sprint, salti.

Scafoide del piede: i sintomi della frattura

La frattura dello scafoide piede si manifesta con sintomi che rendono difficile la rilevazione del problema.
I segni esterni sono lievi come gonfiore, deformità oltre al dolore che si prova quando si appoggia il peso sul piede o si pratica attività fisica.
Quando i sintomi peggiorano, si raccomanda di rivolgersi ad un ortopedico che, dopo un attento esame, procederà con la radiografia o, se necessario, con una Tac o Risonanza Magnetica.


Trattamento della frattura scafoide piede

Una volta riscontrata la frattura da stress dello scafoide, lo specialista potrà prescrivere un trattamento
conservativo oppure optare per un intervento chirurgico.
La terapia conservativa consiste nell’immobilizzazione del piede con l’uso di una scarpa protettiva o gesso per 6-8 settimane. Questo trattamento richiede tempi molto lunghi e spesso non risulta essere efficace al 100%.
L’intervento chirurgico è indicato principalmente per gli atleti e pazienti con particolari esigenze funzionali e porta alla guarigione completa.
Dopo 6 settimane trascorse evitando il peso sul piede colpito, lo specialista valuterà l’assenza o meno di dolore. Se il soggetto non avvertirà dolore potrà riprendere progressivamente le sue attività in 6 settimane. In questo periodo di recupero, dovrà sottoporsi a sessioni di fisioterapia e ad un percorso di riabilitazione.

Come prevenire la frattura dello scafoide del piede

Considerando che la principale causa della lesione dello scafoide è la frattura da stress, è fondamentale seguire una dieta adeguata al tipo di sport praticato. In particolare, occorre assumere una quantità sufficiente di calcio e vitamina D.
E’ molto importante aumentare con gradualità i carichi di allenamento e indossare calzature adeguate,
possibilmente dotate di plantari idonei.

Un video a cura dello specialista in ortopedia e chirurgia Antonio Merello

 

Condividi articolo:
Articoli correlati