Powered by Smartsupp

        Aiuto          Accedi        Carrello

SPEDIZIONE GRATUITA DA 19,90 € 

Cerca

Psoriasi ungueale: come si cura

Psoriasi ungueale

Sommario

La psoriasi ungueale (o delle unghie) è una condizione infiammatoria cronica. Va a colpire le unghie modificando la loro struttura fino a provocare una malformazione.

Spesso, è associata ad altre forme di psoriasi, soprattutto la psoriasi volgare (a chiazze o placche) e l’artrite psoriasica. Colpisce le unghie delle mani e dei piedi ed è più comune negli adulti di sesso maschile con psoriasi a placche cronica.

Come si manifesta, quali sono i sintomi tipici e le cause? Come diagnosticare e curare questa patologia?

Psoriasi ungueale: sintomi

La psoriasi delle unghie si riconosce dai seguenti sintomi:

  • Pitting ovvero depressioni puntiformi nella lamina ungueale;
  • Fragilità delle unghie che si presentano opache, di colore giallo o marrone;
  • Leuconichia, scolorimento dell’unghia con macchie o strisce bianche irregolari;
  • Vasi sanguigni della matrice ungueale dilatati con comparsa di lunule rosse;
  • Perdita di integrità dell’unghia;
  • Ipercheratosi subungueale con presenza di squame bianco-giallastre ed ispessimento della lamina ungueale;
  • Crescita anormale delle unghie;
  • Onicolisi, distacco totale o parziale dell’unghia.

Diagnosi

La psoriasi ungueale viene diagnosticata clinicamente, con l’esame obiettivo e l’anamnesi (la storia medica e familiare del paziente). La gravità della psoriasi delle unghie viene valutata con il NAPSI (Nail Psoriasis Severity Index), un metodo che suddivide l’unghia in quadranti per ottenere un punteggio numerico in base ai segni clinici.

L’iter diagnostico non prevede analisi del sangue o esami per immagini. Dopo l’esame obiettivo e il NAPSI, il dermatologo prescriverà un trattamento adeguato.

In fase di diagnosi, è importante escludere la presenza di malattie responsabili di sintomi simili a quelli causati dalla psoriasi ungueale come l’onicomicosi. In genere, per la verifica, si esegue un esame istopatologico dell’unghia prelevando tessuto subungueale. Anche l’artrite psoriasica provoca cambiamenti delle unghie, quindi è bene rivolgersi al medico.

Psoriasi delle unghie: cause

Le cause della psoriasi in generale e, in particolare, delle unghie non sono del tutto chiare. Si pensa ad un insieme di fattori scatenanti, in primis la predisposizione genetica associata allo stress psicofisico.

Altri fattori di rischio sono:

  • Fumo;
  • Ferite e traumi accidentali;
  • Abuso di alcol;
  • Varie tipologie di infezioni;
  • Ferite chirurgiche;
  • Assunzione di certi farmaci.

Per ragioni non ancora individuate, è stato osservato che la malattia viene innescata da meccanismi autoimmuni. In pratica, il sistema immunitario riconosce i normali tessuti come dannosi e comincia ad attaccare. Ne deriva un’infiammazione che accelera la produzione di cellule (cheratinociti) non solo nelle unghie ma nella pelle ed in altri tessuti.

I cheratinociti causano diversi problemi: le tipiche placche della psoriasi ungueale, malformazione, ispessimento e scolorimento delle unghie.

In assenza di una cura o in caso di terapia inadeguata, la psoriasi delle unghie può portare a complicanze:

  • Associazione con artrite psoriasica e sindrome metabolica;
  • Onicomicosi secondaria;
  • Complessi ed effetti psicosociali che condizionano l’attività lavorativa ed i rapporti con gli altri.

Psoriasi ungueale: trattamenti

Il trattamento d’elezione della psoriasi ungueale dipende da diversi fattori come età del paziente e unghie coinvolte. La valutazione della migliore terapia per risolvere questo problema dipende anche dalla gravità della patologia e dal fatto che sia associata o meno ad altre forme di psoriasi.

In caso di psoriasi ungueale lieve, non associata ad altre forme di psoriasi, sarà necessario un trattamento topico, creme a base di principi attivi cheratolitici, corticosteroidi o vitamina D e suoi derivati.

Nelle forme più gravi e in associazione ad altri tipi di psoriasi, il medico prescriverà una terapia farmacologica per via orale. I farmaci da assumere, in questo caso, sono immunosoppressori (metotrexato, ciclosporina) o farmaci biologici (come infliximab, adalimimab, etanercept).

Sarà lo specialista a valutare la cura migliore. Potrebbe prescrivere anche il trattamento laser o la fototerapia.

La terapia laser utilizza il laser a colorante pulsato: punta i vasi sanguigni sottopelle con un raggio di luce. E’ indicato per la separazione e l’ipercheratosi subungueale. 

La fototerapia (esposizione della pelle ai raggi UVA), nota anche come PUVA, migliora la separazione e lo scolorimento delle unghie. Questa tecnologia combinata mediante psoraleini, rallenta la crescita delle cellule cutanee.

Condividi articolo:
Articoli correlati