Powered by Smartsupp

        Aiuto          Accedi        Carrello

Naturopata

Naturopata

Sommario

La naturopatia è tuttora considerata ‘medicina alternativa’ in quanto basata su costrutti teorici non dimostrati scientificamente. Il termine naturopatia, coniato nel 1895 dal medico newyorkese John Scheel, si tradurrebbe in sentiero della natura. Il suo obiettivo è mantenere o ristabilire lo stato di benessere naturale di una persona. Il naturopata può operare insieme all’omeopata con cui condivide la visione energetica ed olistica dell’individuo. A differenza dell’omeopatia, però, la naturopatia include tecniche e pratiche che non si limitano a rimedi diluiti e dinamizzati. 

Negli USA, nel Regno Unito e nel Commonwealth la medicina naturopatica si basa su principi curativi della natura (come sole, acqua, terra, cibo) nell’ambito delle conoscenze moderne. L’obiettivo sarebbe la stimolazione dell’innata capacità di autoguarigione dell’essere umano o di riequilibrio (omeostasi). L’autoguarigione viene favorita con diverse pratiche, a cominciare da uno stile di vita sano e in armonia con i ritmi naturali.

Naturopata: chi è, cosa fa

Il naturopata sfrutta soluzioni naturali e tecniche non invasive in grado di stimolare le capacità reattive dell’organismo. Il percorso di qualifica obbligatoria dipende dalla legislazione del Paese in cui si trova ad operare.

In Italia, questa figura non fa parte del settore sanitario. La naturopatia non è disciplinata da norme specifiche. Avrebbe dovuto essere inclusa nella legge 4/2013, tra le professioni non organizzate in ordini o collegio. Il Ministero di Giustizia, però, in accordo con il Ministero della Salute ed altri ministeri, ha stabilito che non rientra in questa legge. Nel nostro Paese esistono alcune leggi regionali come in Toscana e in Lombardia.

Ci sono due tipologie di naturopati:

  • tradizionali;
  • medici naturopati (noti anche come naturopathic doctors o medici naturisti) che posseggono una licenza o una registrazione legata a studi di medicina. Si occupano, principalmente, di patologie e disagi cronici, disordini psicosomatici.

Fra gli strumenti terapeutici utilizzati dai naturopati, troviamo:

  • omeopatia;
  • fitoterapia;
  • osteopatia (manipolazioni corporee);
  • agopuntura;
  • aromaterapia;
  • kinesiologia;
  • riflessologia plantare;
  • idroterapia;
  • alimentazione naturale;
  • floriterapia;
  • oligoterapia.

Naturopatia: i principi su cui si fonda

I principi della naturopatia sono i seguenti:

  • la malattia è la conseguenza di uno squilibrio energetico secondo la medicina tradizionale cinese. La correzione di tale squilibrio determinerebbe la scomparsa dei sintomi;
  • la valutazione del singolo caso clinico non si basa sull’esame dei sintomi ma sull’esame della persona, del suo stile di vita e dei fattori esogeni con cui entra in contatto di continuo come gli agenti patogeni.

Il riequilibrio energetico si può attuare anche tramite tecniche di massaggio mirate, cromopuntura (simile all’agopuntura della medicina cinese), digitopressione.

La naturopatia non si pone come alternativa alla medicina allopatica ma come strumento complementare.

Sostiene le forze auto-guaritrici dell’organismo, punta a rimuovere le cause della malattia o del disturbo (di natura fisica, metabolica, chimica, emotiva, genetica, psicologica, sociale): non si limita a curare i sintomi. Tende a prevenire le malattie, a curare la persona (nella sua sfera emotiva, psichica, spirituale) e non la patologia. Il naturopata punta al ‘minor danno’ tra malattia e cura usando metodi privi di controindicazioni.

Naturopatia in Italia: a che punto siamo?

Nel 2010, con il documento “Benchmarks for Training in Naturopathy – Benchmarks for training in traditional/complementary and alternative medicine”, l’OMS ha definito i percorsi formativi per i naturopati. Questo documento ha consacrato la naturopatia come metodologia che favorisce la prevenzione, il trattamento e la promozione della salute ottimale con l’utilizzo di metodi e modalità che stimolano il processo di autoguarigione.

La naturopatia non ha finalità diagnostiche e terapeutiche in senso stretto ma di stimolo delle capacità di autoguarigione degli individui.

Ad oggi, in Italia, la figura del naturopata rientra fra le medicine non convenzionali e le discipline salutistiche, non ancora regolamentate. La didattica viene promossa soltanto da istituti privati attraverso la docenza di esperti qualificati nei vari campi delle medicine non convenzionali.

Il naturopata opera come consulente nell’ambito del benessere, della prevenzione primaria, educazione alla salute e stili di vita. Non può e non deve invadere il campo di altri professionisti che operano nel settore della Salute, tutelati per legge. Può collaborare con il medico o altre figure socio-sanitarie ed operare come consulente in uno studio privato accanto ad altri operatori del settore come centri benessere, farmacie, parafarmacie, centri termali e di estetica, erboristerie.

Condividi articolo:
Articoli correlati
Piede ingessato
Piede ingessato

Il piede ingessato deve essere protetto da eventuali danni perché il processo di guarigione deve essere completo e possibilmente rapido.

Leggi tutto
Ipomenorrea
Ipomenorrea

L’ipomenorrea corrisponde a mestruazioni quantitativamente scarse e di breve durata. E’ il fenomeno opposto all’ipermenorrea. Il normale ciclo si attesta

Leggi tutto