Powered by Smartsupp

        Aiuto          Accedi        Carrello

SPEDIZIONE GRATUITA DA 19,90 € 

Cerca

Misuratore glicemia senza puntura

Misuratore glicemia senza puntura

Sommario

Il monitoraggio della glicemia è fondamentale sia per diagnosticare il diabete sia per monitorare la patologia nel tempo. La condizione può essere monitorata sottoponendosi periodicamente ad esami di laboratorio oppure utilizzando un misuratore glicemia senza puntura. Questo dispositivo medico portatile si chiama glucometro e permette all’utente di valutare l’efficacia di un’eventuale cura per il diabete. Alcuni modelli di ultima generazione evitano la fastidiosa puntura al dito tipica degli esami tradizionali o dei vecchi modelli di reflettometro. 

Il glucometro consente l’auto-misurazione della glicemia capillare ovunque (anche a casa). Ricordiamo che i valori alti della glicemia costituiscono soltanto uno dei sintomi del diabete: altri segni da considerare sono stanchezza cronica, stimolo frequente di urinare, sete eccessiva, bocca secca.

Glucometro: il misuratore glicemia senza puntura al dito

L’uso del glucometro (o reflettometro) è ampiamente supportato dai medici: è uno strumento preciso, affidabile, facile da usare e non presenta controindicazioni.

Il momento ideale per la rilevazione è al mattino, dopo almeno 12 ore di digiuno. Il glucometro standard analizza una piccola goccia di sangue capillare prelevata con un pungidito dalle punte delle dita delle mani. Il kit completo comprende anche le strisce reattive per l’esame del sangue.

Chi soffre di diabete deve misurare la glicemia più volte al giorno (di solito, prima o dopo i pasti oppure a digiuno) sia per monitorare i livelli di glucosio nel sangue sia per gestire e verificare l’efficacia del piano terapeutico (quantità di insulina da assumere). Il glucometro è un vero e proprio salvavita, in caso di iperglicemia o ipoglicemia.

I glucometri indossabili di ultima generazione consentono di misurare la glicemia senza puntura grazie ai sensori CGM (Continuous Glucose Monitoring). Dispongono di un sottile ago filamento posto sotto la pelle in determinati punti (retro del braccio, addome, schiena, coscia). Questo ago esamina il liquido interstiziale per controllare il tasso di glucosio nel sangue H24, 7 giorni su 7. Se rileva ipoglicemia o iperglicemia invia avvisi. Il sistema dei sensori CGM potrebbe risultare lievemente invasivo e il dispositivo si può calibrare e personalizzare.

Glucometro standard con strisce reattive e pungidito: come si usa

Il modello standard di glucometro viene venduto in kit, completo di strisce reattive e penna pungidito. Una volta esaurite le strisce, bisognerà acquistarne altre separatamente che siano compatibili con il modello di glucometro usato.

Il glucometro analizza una piccola goccia di sangue capillare prelevata dal polpastrello da porre sulla striscia reattiva. Il tasso di glucosio porterà ad una reazione enzimatica (ossidazione) con conseguente variazione cromatica. La striscia reattiva deve essere inserita nel misuratore, mentre la goccia di sangue capillare prelevata col pungidito deve essere posta sull’estremità libera della striscia (parte reattiva).

Dopo aver atteso il risultato, bisogna sempre annotare il valore glicemico su un diario adeguando eventualmente la terapia secondo la prescrizione del medico.

Questo, in linea di massima, è il funzionamento del glucometro classico ma è bene attenersi alle istruzioni in quanto esistono diversi modelli, ognuno con le sue caratteristiche.

Attenendosi scrupolosamente alle istruzioni per l’uso, la rilevazione con il glucometro risulta molto accurata. Tuttavia, si consiglia di sottoporsi periodicamente ad analisi della glicemia tramite prelievo ospedaliero anche per confrontare i dati risultanti dal glucometro.

Perché usare il glucometro è importante: vantaggi

L’utilizzo del glucometro è molto importante in quanto l’automonitoraggio glicemico consente di:

  • Adeguare la terapia ai valori glicemici risultanti dal dispositivo intervenendo in modo tempestivo e mirato in situazioni di scarso controllo del diabete;
  • Prevenire episodi di iperglicemia e ipoglicemia ed eventuali complicanze;
  • Stimolare il soggetto diabetico a seguire una dieta corretta ed a praticare una costante attività fisica in quanto con il monitoraggio prende coscienza di quanto dieta e attività fisica influiscano sui livelli glicemici.
Condividi articolo:
Articoli correlati