Powered by Smartsupp

        Aiuto          Accedi        Carrello

Magnetoterapia controindicazioni

magnetoterapia controindicazioni

Sommario

Il trattamento fisico strumentale noto come Magnetoterapia sfrutta campi elettromagnetici a scopo curativo e riabilitativo. Il dispositivo utilizzato per questa terapia interviene su patologie e disturbi acuti e cronici che colpiscono ossa e muscoli causando dolore e infiammazione. Queste sono le indicazioni della magnetoterapia e le controindicazioni, seppure contenute, non sono da trascurare.

I benefici apportati da questo trattamento sono diversi e tutti importanti ma, prima di sottoporsi alla terapia, è fondamentale consultare il medico perché non tutti possono farlo.

Magnetoterapia: effetti benefici

Gli effetti benefici comprovati da numerosi studi clinici sono i seguenti:

  • Riduzione dell’infiammazione e del dolore con conseguente recupero della mobilità;
  • Cicatrizzazione delle ferite;
  • Riattivazione della circolazione sanguigna;
  • Rigenerazione dei tessuti;
  • Rilassamento della muscolatura (azione decontratturante);
  • Accelerazione della calcificazione delle fratture tramite stimolazione di osteoblasti;
  • Azione antiedemigena (contrasta gli edemi dovuti a liquido in eccesso nei tessuti).

Operatore e paziente non corrono alcun rischio biologico perché le onde sono di tipo non ionizzante e vengono facilmente assorbite da organi e tessuti.

Magnetoterapia: controindicazioni

La Magnetoterapia deve essere effettuata con dispositivi medici sicuri ed è fondamentale capire se è idonea alla patologia riscontrata, conoscere le controindicazioni. Ecco perché è altamente raccomandato richiedere la prescrizione medica prima di usare il dispositivo di magnetoterapia.

Questa terapia fisica strumentale è indolore, non invasiva, sicura, non presenta effetti collaterali ma può essere sconsigliata.

La Magnetoterapia è controindicata in caso di:

  • Gravidanza o allattamento;
  • Presenza di pacemaker e di protesi magnetizzabili in quanto le onde elettromagnetiche potrebbero influenzare il funzionamento del dispositivo. Se la protesi è in titanio non ci sono controindicazioni per l’utilizzo della magnetoterapia;
  • Patologie cardiache;
  • Ipertiroidismo;
  • Extrasistole;
  • Emorragie in corso;
  • Epilessia;
  • Tubercolosi;
  • Diabete giovanile;
  • Infezioni acute;
  • Malattie virali in fase acuta;
  • Tumori;
  • Bambini in fase di crescita. Questo perché i CEMP (campi elettromagnetici pulsati) stimolano le cellule e favoriscono certi processi biofisici come l’aumento della circolazione sanguigna e la calcificazione ossea.

Precauzioni e consigli utili

Ribadiamo l’importanza di scegliere dispositivi medici certificati, sicuri, che hanno superato i necessari test di biocompatibilità previsti dalla normativa.

La Magnetoterapia, praticata con costanza, riduce infiammazioni e dolori, apporta numerosi benefici alla salute. Un uso costante prevede almeno 2-4 ore al giorno di applicazione per 45-90 giorni in base alla patologia da trattare.

Prima di effettuare sedute di Magnetoterapia per l’uso domiciliare, è importante consultare il medico (prima e dopo il trattamento) e conoscere certe precauzioni da prendere.

Diamo qualche consiglio utile, di seguito:

  • Leggi sempre il manuale d’uso prima di iniziare la seduta;
  • Non indossare oggetti in metallo;
  • Se usi il dispositivo direttamente a contatto con la pelle, detergi l’area da trattare;
  • Indossa indumenti in fibra naturale come il cotone;
  • Non applicare contemporaneamente pomate che contengono ioni liberi di metalli magnetizzabili;
  • Utilizza l’accessorio in TNT (tessuto non tessuto) se l’apparecchio viene usato da più persone o se hai ferite sulla pelle;
  • Ogni 24 mesi, controlla l’efficienza e la sicurezza del dispositivo;
  • Quando posizioni l’applicatore, il lato verde dev’essere a contatto con la zona da trattare;
  • Non usare l’apparecchio in presenza di agenti infiammabili o in luoghi umidi;
  • Usa il dispositivo per Magnetoterapia ad almeno 3 metri di distanza da qualsiasi apparecchio elettronico perché potrebbe incidere sul suo funzionamento;
  • Tieni il dispositivo lontano dalla portata di bambini e animali.
Condividi articolo:
Articoli correlati
Piede ingessato
Piede ingessato

Il piede ingessato deve essere protetto da eventuali danni perché il processo di guarigione deve essere completo e possibilmente rapido.

Leggi tutto
Ipomenorrea
Ipomenorrea

L’ipomenorrea corrisponde a mestruazioni quantitativamente scarse e di breve durata. E’ il fenomeno opposto all’ipermenorrea. Il normale ciclo si attesta

Leggi tutto