Powered by Smartsupp

SPEDIZIONE GRATUITA DA 19,90 € 

Cerca

Il Lipolaser funziona? – Una guida avanzata

lipolaser funziona

Sommario

La migliore alternativa alla Liposuzione è il Lipolaser. Il grande vantaggio di questo trattamento estetico è dato dal fatto che non è invasivo. Sfrutta la potenza dell’energia laser per agire sulla massa grassa. E’ la liposuzione senza bisturi né aghi, il sogno di tutti, la soluzione indolore per rimodellare il corpo senza chirurgia.

In questa guida, spieghiamo cos’è, come funziona, benefici rispondendo alla domanda numero uno del focus: il Lipolaser funziona?

Lipolaser estetico: cos’è, benefici, come funziona

Il Lipolaser è un trattamento che utilizza il laser a diodo per ridurre adiposità localizzate, contrastare la cellulite, migliorare la circolazione sanguigna. E’ la migliore alternativa non chirurgica e non invasiva alla liposuzione.

Consente di rimodellare la silhouette, di rendere il tessuto cutaneo più tonico, idratato, compatto.

Come funziona? Il dispositivo dedicato agisce utilizzando una tecnologia avanzata e sicura: il laser a diodo a bassa intensità, la cui frequenza d’onda varia in base alla zona trattata. L’energia generata dal laser, una volta trasmessa allo strato superficiale dell’adipe, segnalerà alle cellule adipose di scomporsi in glicerolo e acidi grassi liberi. Queste sostanze, dopo essere state trasportate dall’acqua, verranno espulse dall’organismo in modo naturale attraverso il sistema linfatico ed i reni.

Si utilizzano due sonde per aiutare il drenaggio linfatico a smaltire grasso e scorie.

Le zone trattate dal Lipo Laser sono addome, cosce, fianchi, glutei, schiena, braccia, qualsiasi area che presenta adiposità e cellulite. Non esiste un candidato ideale perché il lipolaser è efficace in qualsiasi caso.

Rispetto alla liposuzione, il lipolaser mantiene vive le cellule grasse, non le elimina. Il grasso viene semplicemente drenato dal sistema linfatico.

Il Lipolaser funziona? Mantiene ciò che promette?

Il Lipolaser funziona o è troppo bello per essere vero?

La buona notizia è che i risultati effettivi si avvicinano molto a quelli della liposuzione, in particolare nel trattamento delle adiposità localizzate.

Se, oggi, è uno dei trattamenti più usati in medicina estetica una ragione deve pur esserci.

Le opinioni degli esperti sono in gran parte positive. Si ottengono buoni risultati a fronte di costi contenuti rispetto alla liposuzione.

Già alla prima seduta si notano cambiamenti, ma i risultati definitivi si potranno apprezzare dopo 30-40 giorni circa, quando cioè il corpo avrà eliminato tutto il grasso annientato e sciolto dall’energia laser. 

Un ciclo completo prevede dalle 8 alle 12 sedute in base all’area da trattare e alla quantità di adiposità da eliminare. E’ un trattamento ideale per adiposità localizzate su addome e cosce. 

Il protocollo di trattamento standard prevede 2 trattamenti a settimana, della durata media di 30 minuti per 4-6 settimane. E’ possibile perdere tra i 2 e i 4 cm a seduta nella circonferenza dell’addome.

Per ottenere i risultati sperati è necessaria la costanza nelle sedute di mantenimento: è sufficiente una seduta all’anno.

Per il massimo dell’efficacia, il Lipolaser va abbinato ad una regolare attività fisica e ad una dieta bilanciata, anche per mantenere i risultati ottenuti il più a lungo possibile.

Si consiglia, inoltre, di effettuare un massaggio o altri trattamenti che favoriscano il drenaggio ogni tre sessioni.

Controindicazioni del lipolaser

Il laser a bassa frequenza non presenta variazioni di temperatura interne, quindi non danneggia cellule o organi. Agisce esclusivamente nell’area da trattare, dove è localizzato l’adipe. E’ un trattamento sicuro, tanto che lo scopo iniziale della tecnologia laser a bassa intensità puntava al sollievo del dolore ed alla rigenerazione delle cellule per la guarigione. 

Per seguire le linee guida dell’OMS, il trattamento è controindicato in caso di:

  • Diabete;
  • Presenza di pacemaker;
  • Insufficienza renale o epatica;
  • Ferite aperte e grandi cicatrici;
  • Gravidanza e allattamento;
  • Disturbi autoimmuni;
  • Tumori.
Condividi articolo:
Articoli correlati