Powered by Smartsupp

SPEDIZIONE GRATUITA DA 19,90 € 

Cerca
Fistola coccigea

Sommario

Nota anche come cisti pilonidale, la fistola coccigea (o sacro-coccigea) si forma nelle natiche, in genere nella parte superiore vicino al coccige. Consiste in una sacca anomala che si forma nella pelle: spesso contiene detriti cutanei e capelli, peli, materiale liquido o semisolido.

Può capitare che si formino più cisti e, quando succede, sono collegate da piccoli tunnel sottocutanei. Possono riempirsi di pus in caso di infezione. Più di rado, le fistole coccigee possono formarsi nelle mani, nell’area dei genitali o dell’ombelico oppure all’ascella.

I soggetti più a rischio sono gli uomini, le persone obese o che trascorrono molto tempo sedute.

Perché si formano e quali sono i sintomi associati? Come sbarazzarsi della fistola sacro-coccigea?

Cause della fistola coccigea

Non è ancora stata individuata la causa responsabile della fistola coccigea. L’ipotesi più probabile è che si formi a seguito della rottura di un follicolo pilifero o di un pelo spezzato che penetra nella pelle. Tutto questo può provocare un’infezione generando un ascesso.

I fattori di rischio che predispongono allo sviluppo di fistole coccigee possono essere:

  • Giovane età;
  • Sesso maschile;
  • Sedentarietà;
  • Obesità con indice di massa corporea da 30 in su;
  • Scarsa igiene;
  • Stare seduti per lungo tempo;
  • Indossare abiti stretti;
  • Eccessiva quantità di peli.

Fistola sacro-coccigea: sintomi e diagnosi

La presenza di una fistola coccigea si riconosce dai seguenti sintomi:

  • Dolore alla base della spina dorsale;
  • Pelle arrossata o gonfia;
  • Presenza di sangue o pus nell’area colpita;
  • Febbre (in caso di infezione grave).

Le dimensioni di una cisti pilonidale può variare presentandosi come una fossetta o coprendo una zona più ampia.

La cisti pilonidale si diagnostica tramite esame obiettivo. Il medico può richiedere un’analisi del sangue (l’emocromo potrebbe rivelare un aumento dei globuli bianchi) o l’esame ecografico per ulteriori accertamenti. 

Fistola coccigea: trattamento conservativo e chirurgico

Una fistola sacro-coccigea asintomatica può essere trattata semplicemente con la depilazione dell’area colpita e con una corretta igiene.

Se l’area è infiammata o, peggio ancora, infetta, il medico specialista può prescrivere un trattamento farmacologico con antinfiammatori o antibiotici specifici. E’ importante seguire una terapia mirata per evitare ascessi o complicanze. Un’alternativa al trattamento farmacologico è la chirurgia mini invasiva per asportare definitivamente la cisti. La tecnica più usata, in questo caso, è quella endoscopica, nota come EPsiT (Endoscopic Pilonidal Sinus Tratment) con cui si rimuove definitivamente la fistola dall’intera area attraverso una o due piccole incisioni di mezzo centimetro di diametro. Questa tecnica mininvasiva e video assistita richiede l’utilizzo di una strumentazione specifica e dedicata ed assicura una completa guarigione. La percentuale di recidive è inferiore al 5% dei casi trattati. Dopo l’intervento, non servono medicazioni o la somministrazione di farmaci antidolorifici: nel 90% dei casi non si prova alcun dolore post-operatorio.

Per asportare una fistola recidiva, che tende ad infettarsi di frequente, potrebbe essere necessario ricorrere ad un intervento più invasivo. Il medico chirurgo, specializzato in questo tipo di trattamento, potrebbe scegliere di lasciare aperta la ferita (metodo di chiusura per seconda intenzione) affinché il tessuto si riformi spontaneamente oppure di applicare punti di sutura da rimuovere dopo 10 giorni. Nel primo caso (lasciare la ferita aperta), si riduce il rischio di recidiva anche se i tempi di guarigione si allungano.

Alcune fistole possono essere trattate applicando la colla di fibrina (assorbibile) che serve a sigillare l’area da cui rimuovere preventivamente eventuali peli. Si tratta di una procedura non particolarmente dolorosa (per cui è prevista l’anestesia locale o generale): la guarigione è rapida.

Come prevenire la fistola coccigea

Pur risultando difficile prevenire del tutto la fistola sacro-coccigea, consigliamo di:

  • Perdere peso, se necessario;
  • Curare l’igiene personale;
  • Depilare la parte, in caso di quantità eccessiva di peli;
  • Non stare seduti per lungo tempo.
Condividi articolo:
Articoli correlati