Powered by Smartsupp

SPEDIZIONE GRATUITA DA 19,90 € 

Cerca

Dieta del sondino senza sondino

Dieta del sondino senza sondino

Sommario

Chi ha molti chili da perdere rapidamente (almeno 20 kg) dovrebbe scoprire cos’è la dieta del sondino senza sondino. Questo metodo di dimagrimento non è solo rapido ma anche efficace e sicuro.

La miscela amminoacidica non viene somministrata tramite sondino naso-gastrico ma per via orale. Ecco perché è denominata ‘del sondino senza sondino’. E’ indicata per persone incostanti, poco motivate, che vogliono dimagrire senza sforzo per una questione principalmente estetica.

Oltre a perdere peso rapidamente, questa dieta proteica consente di mantenere il peso forma raggiunto mediante una graduale modifica dello stile di vita e un’educazione alimentare.

Dieta del sondino senza sondino: cos’è

La dieta del sondino senza sondino (o chetogenica) è una dieta dimagrante rapida, che si basa su un incremento proteico senza ricorrere a farmaci

L’obiettivo è accelerare il metabolismo stimolando il processo di lipolisi senza rischiare di deperire, bensì conservando la massa magra/viva. 

Questa dieta proteica utilizza i grassi di deposito come fonte di energia per formare corpi chetonici. 

Cosa sono i corpi chetonici? Queste formazioni portano ad un effetto euforizzante (sensazioni di benessere ed energia) e anoressizzante (eliminano la sensazione della fame).

Indicazioni

La dieta del sondino senza sondino è indicata in caso di:

  • Obesità;
  • Sovrappeso;
  • Insulinoresistenza;
  • Sindrome metabolica;
  • Adiposità associata al diabete di tipo due con le dovute cautele;
  • Ovaio policistico se si è in sovrappeso;
  • Ipercolesterolemia;
  • Insufficienza respiratoria (asma, apnee notturne, dispnea);
  • Preparazione alla chirurgia bariatrica.

Come funziona

Prima di iniziare la dieta, il medico prescriverà esami emato-chimici per escludere patologie epatiche e renali. In seguito, durante la prima visita, lo specialista valuterà i risultati degli esami emato-chimici, clinico e antropometrico. Una volta ritenuto idoneo, il paziente potrà iniziare la dieta.

La dieta chetogenica si suddivide in due fasi:

  1. Si assumono proteine in polvere selezionate e sciolte in acqua e determinate verdure. Dura 10 giorni e si assiste ad una perdita di peso notevole;
  2. Si consumano proteine in polvere e cibi come carne, uova, pesce, verdura, frutta secca. Dura 21 giorni, dopodiché si può passare ad un regime alimentare normale.

Questa dieta prevede il consumo esclusivo di certe proteine escludendo grassi e carboidrati.

Per la preparazione delle proteine si possono usare soia, siero di latte, legumi, albume d’uova o amminoacidi (polifenoli, flavonoidi, coenzima Q10, ecc.).

La dieta del sondino senza sondino deve essere integrata con vitamine idrosolubili e liposolubili (A, C, D, E, B), sali minerali, antiossidanti, amminoacidi di cui si ha carenza come arginina, carnitina e glutammina.

Il paziente verrà controllato dopo 5, 10 e 15 giorni con esecuzione dell’esame urine e valutazione clinica-antropometrica per controllare lo stato di salute generale e i risultati della dieta. Parallelamente alla dieta, si programma l’attività fisica da svolgere.

In sostanza, si procede al riequilibrio graduale del rapporto ottimale tra proteine, lipidi e carboidrati.

Il ciclo proteico può essere ripetuto per ottenere un’ulteriore perdita di peso. 

Dieta del sondino senza sondino: benefici e risultati

La dieta del sondino senza sondino permette di ottenere i seguenti benefici e risultati:

  • Perdita di peso rapida e soddisfacente (7-10% del peso corporeo per ogni ciclo). L’effetto euforizzante e anoressizzante dei corpi chetonici induce la perdita dell’appetito;
  • Riduzione della circonferenza vita/fianchi/cosce e della massa grassa;
  • Riduzione della cellulite. E’ possibile associare trattamenti di medicina estetica, per accelerare o rimodellare la riduzione delle adiposità localizzate;
  • Miglioramento della tonicità muscolare;
  • Elasticità ed aumento della compattezza dei tessuti per effetto dell’aumento del collageno;
  • Senso di benessere ed euforia;
  • Normalizzazione dei parametri ematologici e clinici alterati. Se non vi sono malattie conclamate tali parametri si stabilizzano dopo un paio di mesi.

Controindicazioni

La dieta chetogenica è controindicata in caso di:

  • Gravidanza e allattamento;
  • Età inferiore ai 14 anni;
  • Gotta;
  • Insufficienza renale o litiasi renale in atto;
  • Scompenso metabolico acidosico (si manifesta, ad esempio, nei diabetici mal curati).
Condividi articolo:
Articoli correlati