Powered by Smartsupp

SPEDIZIONE GRATUITA DA 19,90 € 

Cerca
diaframma pelvico

Sommario

Paradossalmente, il diaframma pelvico è tanto importante quanto sconosciuto o sottovalutato da molte
donne. E’ una regione muscolare essenziale per il benessere e la salute della donna.
Il pavimento pelvico, noto anche come ‘muscolo della felicità’, è anche il muscolo meno conosciuto per tabù culturali e pudori sociali, un distretto da riscoprire e valorizzare.
Quest’area romboidale si estende dalla sinfisi pubica al coccige: sostiene e circonda la vescica, l’uretra, la vagina, l’apparato ano-rettale. Il diaframma pelvico comprende il muscolo elevatore dell’ano costituito dai muscoli ileo-coccigeo, ischio-coccigeo e pubo-coccigeo.
Perché la consapevolezza e percezione del pavimento pelvico è tanto importante per la donna?

Consapevolezza e percezione del diaframma pelvico: perché è importante

La complessa struttura muscolare che costituisce il pavimento pelvico è molto importante per la donna. Ad esempio, una minore percezione e consapevolezza del perineo spesso riduce il piacere durante il
rapporto sessuale.
Non saper gestire il pavimento pelvico porta ad un’inevitabile e graduale perdita di sensibilità, tono e
controllo del pavimento stesso. Spesso, si riscopre quest’area del corpo in momenti e fasi particolari della vita: ad esempio, al momento del parto quando il perineo subisce lacerazioni o nel post-parto per problemi di incontinenza. Può succedere nella terza età, in caso di prolasso.

Prevenzione e tutela nelle situazioni a rischio

Per limitare o evitare certi inconvenienti, occorre avere la capacità di gestire il perineo.
La prevenzione si basa, principalmente, sull’informazione ed educazione alla percezione e cura del perineo già in età scolastica nelle lezioni sul corpo umano o durante i corsi di educazione sessuale.
Bisogna saper riconoscere ed attivare spontaneamente il perineo in vari momenti della giornata ed azioni quotidiane (colpo di tosse, starnuto, addominali in palestra, sollevamento di un peso, ecc.).
L’attività di prevenzione deve essere svolta anche in altri ambiti, da operatori di settore come ginecologi ed ostetriche: dovrebbero informare le pazienti durante le visite, esami, pap-test.
Un ginecologo preparato dovrebbe, ad esempio, consigliare ad una donna di non praticare allenamenti
intensi in palestra dopo pochi giorni dal parto. Un comportamento del genere può comportare gravi rischi per la salute, specie riguardo al pavimento pelvico. Le donne dovrebbero sapere che la gravidanza dura effettivamente 18 mesi (9 mesi di gestazione e 9 di puerperio e recupero).
Saper gestire il pavimento pelvico può favorire la gestione del travaglio e ridurre certi rischi durante il
parto come l’episiotomia (incisione chirurgica del perineo e della parete posteriore della vagina che ha lo scopo di allargare l’orifizio vaginale per favorire il parto).
Al fine della prevenzione possiamo consigliare un elettrostimolatore come il MIO-PERISTIM VAGINAL oppure il MIO-PERISTIM ANALE

Diaframma pelvico: terapia e riabilitazione

In passato, le donne affette da incontinenza urinaria o prolasso erano costrette a scegliere tra pannolini, rassegnazione e intervento chirurgico.
Fortunatamente, oggi si ricorre ai seguenti approcci conservativi efficaci per evitare soluzioni invasive:

      • Chinesiterapia: comprende esercizi di contrazione e rilassamento muscolare per allenare,
        riconoscere e potenziare il pavimento pelvico;

      • Esercizi di Kegel: incrementano l’afflusso di sangue ai muscoli aumentando la sensazione di
        piacere della donna;

      • Elettrostimolazione, una tecnica passiva indicata per chi non riesce a contrarre in modo adeguato e volontario i muscoli perineali. Si utilizzano elettrodi e impulsi elettrici che stimolano i muscoli del pavimento pelvico;

      • Biofeedback, che utilizza strumenti in grado di registrare un rilassamento o una contrazione
        muscolare non percepiti. Serve a educare la donna a compiere contrazioni e rilassamento in modo corretto.

    Condividi articolo:
    Articoli correlati