Powered by Smartsupp

        Aiuto          Accedi        Carrello

Depressione test: quali sono

depressione test

Sommario

La depressione è un disturbo dell’umore caratterizzato da mancanza di flessibilità dell’umore. Il tono dell’umore di chi ne soffre va sempre verso il basso. Può trovarsi in uno stato perenne di tristezza, apatia, solitudine, concetti negativi di sé, auto-colpa, desideri autopunitivi, anoressia, perdita di libido, insonnia, ecc.

Come distinguere la semplice tristezza o ansia dalla depressione vera e propria? Con il test di depressione.

Questo test gratuito è basato sull’autovalutazione dei sintomi depressivi negli adulti ottenuta rispondendo ad un questionario online senza dover comunicare i propri dati personali o la propria email. 

Test della Depressione

Per capire se si soffre di depressione, i test online in forma di questionario a cui rispondere sono test di autovalutazione che non hanno valore diagnostico effettivo. 

Il test della depressione misura il proprio livello di umore, aiuta a decidere cosa fare in base ai risultati e suggerimenti ottenuti. I risultati del test depressione online hanno uno scopo informativo e non possono sostituire la valutazione completa di uno specialista (psicologo o psicoterapeuta). In sostanza, si tratta di una guida indicativa per capire l’eventuale presenza o il proprio livello di depressione.

Cause della depressione

La depressione può comparire in concomitanza ad altri disturbi come abuso di alcol e droghe, gioco patologico, disturbi psicologici (panico, post-traumatico da stress, ossessivo- compulsivo). Può essere dovuta anche a disturbi alimentari come bulimia nervosa e anoressia.

Le cause della depressione possono dipendere da vari fattori:

  • Biologici, ovvero alterazioni a livello neurotrasmettitoriale, ormonale e nel sistema immunitario che incidono sul sonno e sulle interazioni sociali;
  • Genetici: secondo certi studi, chi ha familiari di primo grado che soffrono di depressione rischia di più di sviluppare la depressione, da due a quattro volte di più;
  • Psico-sociali, legati ad eventi di vita stressanti (malattie, separazioni coniugali, lutti, problemi di lavoro, ecc.). Questi eventi incidono maggiormente nei soggetti che hanno vissuto un’infanzia avversa in quanto incapaci di sviluppare abilità per affrontarli.

Depressione: test PHQ-9

Il test standard a livello internazionale per misurare la depressione negli adulti a livello internazionale è il test PHQ-9.

Si tratta di un test gratuito che calcola i 9 criteri del Manuale Diagnostico Psichiatrico per i disturbi depressivi (ad eccezione della depressione bipolare). E’ un test rapido, in grado di misurare la gravità della depressione con una certa affidabilità ed è uno strumento valido per valutare i disturbi dell’umore.

Ricerche su questo test hanno evidenziato che un punteggio alto corrisponde effettivamente con una diagnosi di depressione elevata e spinge l’utente a contattare un professionista.

Depressione: diagnosi

Nella diagnosi, bisogna fare attenzione ai sintomi tipici della depressione che sono tanti e spesso poco considerati.

Secondo il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, per essere classificati come depressi, bisogna aver sperimentato, per due settimane, 5 o più dei seguenti sintomi:

  • Tristezza quotidiana provata per gran parte della giornata;
  • Disinteresse nelle attività quotidiane o nel tempo libero;
  • Disturbi del sonno;
  • Riduzione/aumento dell’appetito con conseguente perdita o aumento di peso;
  • Stanchezza;
  • Pigrizia o irrequietezza/frenesia; 
  • Difficoltà nel prendere decisioni;
  • Senso di colpa e inutilità;
  • Pensieri suicidi.

Depressione: i migliori trattamenti per curarla

Il trattamento della depressione comporta, in genere, la prescrizione di farmaci e psicoterapia.

Secondo le linee guida NICE, la terapia interpersonale e la psicoterapia cognitivo-comportamentale rappresentano i trattamenti elettivi per i disturbi depressivi.

I farmaci antidepressivi più usati sono i triciclici (ATC), inibitori della monoaminossidasi (IMAO), della ricaptazione della noradrenalina (NRI) e gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI).

Agiscono a livello della serotonina e norepinefrina.

La terapia cognitivo-comportamentale lavora su atteggiamenti e comportamenti di un soggetto che favoriscono la depressione. Punta a modificare e migliorare il comportamento e il modo di pensare del soggetto.

Questa terapia elettiva si propone di:

  • Alleviare i sintomi del paziente spingendolo a riconoscere i pensieri autodistruttivi;
  • Correggere pensieri disfunzionali offrendo nuove esperienze di apprendimento, affinché il paziente possa regolare le proprie cognizioni;
  • Aiutare il soggetto ad acquisire autocontrollo e padronanza di sé.
Condividi articolo:
Articoli correlati
Piede ingessato
Piede ingessato

Il piede ingessato deve essere protetto da eventuali danni perché il processo di guarigione deve essere completo e possibilmente rapido.

Leggi tutto
Ipomenorrea
Ipomenorrea

L’ipomenorrea corrisponde a mestruazioni quantitativamente scarse e di breve durata. E’ il fenomeno opposto all’ipermenorrea. Il normale ciclo si attesta

Leggi tutto