Powered by Smartsupp

SPEDIZIONE GRATUITA DA 19,90 € 

Cerca
Antistaminico naturale

Sommario

L’antistaminico naturale è un composto di origine naturale che interferisce con l’azione dell’istamina e ne riduce l’attività. L’istamina è un mediatore importante coinvolto nelle reazioni allergiche.

Gli antistaminici naturali non sono in grado di curare patologie e reazioni allergiche. Di conseguenza, non si possono considerare una valida alternativa ai farmaci antistaminici e antiallergici prescritti dal medico.

Talvolta, si cita l’antistaminico naturale anche quando la sua azione non è prettamente antistaminica ma, piuttosto, antiallergica. 

Che differenza passa tra antistaminico e antiallergico?

Antistaminico naturale: antistaminici o antiallergici? Differenze

Spesso, si usano i termini antistaminici e antiallergici come se fossero sinonimi. In realtà, esistono differenze.

L’antistaminico indica sostanze naturali o farmaci in grado di ridurre l’azione dell’istamina.

L’antiallergico è una sostanza o farmaco che contrasta le reazioni allergiche: agisce sulle cause e ne allevia i sintomi. L’istamina non è l’unico mediatore coinvolto nelle reazioni allergiche. Gli antiallergici comprendono antistaminici, antinfiammatori, broncodilatatori e decongestionanti.

Antistaminico naturale: dalla quercetina al ribes nero

Tuttavia, con il termine antistaminico naturale, si indicano comunemente (e impropriamente) tutte le sostanze naturali che interferiscono con le manifestazioni allergiche.

Ecco, di seguito, alcuni antistaminici naturali.

Quercetina

La quercetina è un antistaminico naturale vero e proprio. Inibisce il rilascio di istamina e riduce i livelli di leucotrieni pro-infiammatori.

Esistono in commercio integratori alimentari a base di quercetina usati come coadiuvanti nel ridurre i sintomi di reazioni allergiche.

La quercetina è controindicata in caso di gravidanza, allattamento e ipersensibilità alla sostanza. Segnaliamo interazioni con anticoagulanti e antiaggreganti piastrinici.

Perilla

Come la quercetina, la perilla è un antistaminico naturale capace di ridurre i livelli di istamina ma anche i livelli di IgE, nonché di inibire la sintesi di leucotrieni.

Ha le stesse controindicazioni della quercetina: ipersensibilità alla pianta, gravidanza e allattamento. Riguardo agli effetti collaterali, potrebbe causare reazioni di sensibilizzazione.

Liquirizia

La liquirizia è una pianta considerata un antistaminico naturale in quanto capace di inibire la degranulazione dei mastociti e, di conseguenza, il rilascio di istamina.

Tuttavia, gli integratori di liquirizia in commercio vengono usati principalmente per il benessere delle vie respiratorie e della mucosa gastrointestinale.

Un uso prolungato di liquirizia può causare ipertensione, aritmie, ritenzione di sodio e ipopotassiemia. E’ controindicata nel caso si soffrisse delle patologie appena citate ma anche in caso di sovrappeso, insufficienza epatica, cirrosi epatica, insufficienza renale, diabete mellito, gravidanza e allattamento, patologie neuromuscolari.

La liquirizia interferisce con l’azione di farmaci lassativi, diuretici, antiaritmici, antinfiammatori, insulina, contraccettivi orali.

Partenio

Uno studio ha dimostrato che l’estratto di partenio in cloroformio è capace di ridurre il rilascio di istamina dai mastociti.

Tuttavia, gli integratori a base di partenio vengono perlopiù impiegati per le proprietà antinfiammatorie e antiemicraniche della pianta.

L’uso del partenio è controindicato in caso di gastrite, ulcera gastrointestinale, gravidanza e allattamento, età pediatrica. Può interferire con anticoagulanti orali, FANS, antiaggreganti piastrinici.

Dopo l’assunzione, potrebbero verificarsi effetti collaterali come vomito, diarrea, cefalea, insonnia.

Ribes Nero

Il ribes nero viene considerato il migliore degli antistaminici naturali. In realtà, non esercita un’azione antistaminica vera e propria ma un’azione antinfiammatoria simil-steroidea, capace di modulare la risposta del sistema immunitario. Probabilmente, per questo motivo molti credono che l’assunzione di integratori a base di ribes nero 1-2 mesi prima dei periodi più a rischio allergie (primavera e autunno) possa ridurre le reazioni allergiche.

Il ribes nero è controindicato in caso di gravidanza, allattamento, edema indotto da una disfunzione renale o cardiaca.

Condividi articolo:
Articoli correlati